domenica, novembre 05, 2006

RICORDANDO I DISCIPLINATHA

Ormai è 10 anni che si sono sciolti. Scorazzando per YouTube ho trovato il video di "Up patriots to arms", cover di Battiato. Li conoscevo benino: quella che era la cantante è mia sorella :)



"UP PATRIOTS TO ARMS!" (1994)


Il testo che segue è tratto da un blog (http://theskiesarefullofwine.splinder.com/archive/2005-10). Mi è piaciuta come presentazione-biografia su di loro, quindi niente di meglio che allegarla a questo post...

[mi sa che glielo dovevo] i Disciplinatha sono stati tra i migliori gruppi italiani della prima metà degli anni ’90. non c’è dubbio su questo. già attivi su finire degli anni ’80, è del 1988 il loro primo ep, abbiamo pazientato 40 anni. ora basta, col quale creano non pochi fraintendimenti utilizzando un campionamento della voce del tristemente famoso dittatore pelato proprio nel pezzo che apre il suddetto ep, addis abeba, un muscoloso brano tutto chitarre acide e distorte e tastiere orchestrali sostenute da un’aggressiva batteria. musicalmente i disciplinatha del primo ep propongono una miscela di punk, metal, elettronica industriale e finanche hardcore. i testi, in inglese, riuscivano ad essere politici senza suonare retorici o populisti. elemento caratterizzante del gruppo era la chitarra di dario parisini, che poi vedremo anche in una delle ultime versioni dei massimo volume, sempre puntuale nel disegnare riff veloci e taglienti giocati sull’uso dissennato di armonici e leva del vibrato nonché su assoli quasi commoventi nella loro sfacciata tamarraggine, come quello che apre disciplinatha canto del potere. tracce di hardcore contaminano i due pezzi successivi, milizia, coperta da strati di wha wha, e retorika, mentre leopoli, anche questa sommersa da valanghe di chitarre inacidite, svela le già più che intuibili similitudini con i killing joke. la formazione a quattro che registra il primo ep, con crisi di valori del 1991, si allarga con l’ingresso di una nuova bassista, roberta vicinelli, e vanessa vignini, che lascerà poi il gruppo prima del successivo album, e valeria cevolani che vanno ad affiancare cristiano santini alla voce. per evitare ulteriori fraintendimenti sulla copertina del disco compare la scritta non siamo di destra, anzi, siamo buoni. i testi finalmente in italiano sono un atto di accusa contro lo stato delle cose “preoccupante. non si sente più pensare. preoccupante. ricominciano a sparare. figli della grassa pace continentale”. nazioni è un grido strozzato, rivela le radici più industrial del gruppo, alternando campionamenti a velocissimi stacchi hardcore. sono gli anni della guerra in jugoslavia e frasi come “fate presto voi a parlare, europa unita, indipendente! cadaveri al risveglio, smaniosi di ricominciare a morte! guardano dietro di sé per imitare” disegnano un triste parallelo con un passato di cui tutto è “già visto, già detto, già fatto, provato, razze, pure, etnie, frontiere”. crisi di valori riprende gli stessi schemi inserendo ancora voci campionate a ripetere l’estenuante ritornello crisidivaloricrisicrisicrisidivalori, e rappresenta lo sbandamento di una generazione svuotata di tutto, quella uscita dagli anni ’80 e che si affaccia ai ‘90. nel 1994 esce un mondo nuovo. il disco è un piccolo capolavoro, a mio avviso uno dei più importanti di quegli anni, al pari di lungo i bordi dei massimo volume. il suono del gruppo è finalmente a fuoco e definito, le voci maschile e femminile si alternano, gli stacchi più elettronici sono più mirati e perfettamente integrati con le chitarre di parisini che continua a macinare riff ma senza ricoprire il resto. è un equilibrio praticamente perfetto tra le varie parti che compongono la band. l’urlo rauco dei primi due ep diventa meno aggressivo e più melodico riuscendo però a conservare la rabbia degli inizi. qualche passaggio potrebbe addirittura rimandare ai nine inch nails. ma la formula del gruppo è finalmente originale e riesce a distaccarsi da qualsiasi modello. il suono dei disciplinatha è ormai un marchio di fabbrica, originale e perfettamente riconoscibile. le canzoni, ascoltate oggi, undici anni dopo l’uscita del disco, non perdono un grammo della loro efficacia, tantomeno i testi. quasi inutile citare un pezzo, sarebbe fare torto a una delle opere più complete della musica alternativa negli anni ’90 in italia. passeranno due anni e purtroppo primigenia, ultimo disco firmato disciplinatha, non saprà ripetersi sugli stessi livelli, risultando anzi un album del tutto trascurabile. il gruppo subito dopo si scioglierà. come forse era giusto che fosse, che niente dura sempre. ciò non toglie che disciplinatha sia stato un gruppo a dir poco seminale. meritava sicuramente di più del posto che ha occupato.



discografia

abbiamo pazientato 40 anni. ora basta. (1988, ep)

crisi di valori (1991, ep)

maciste contro tutti (1993) - live con c.s.i. e üstmamò

un mondo nuovo (1994)

a raccolta (1995) - riunisce i due ep e registrazioni live

primigenia (1996)

compaiono inoltre sulla compilation materiale resistente con il brano vi ricordate quel 18 aprile

(scritto da "gattopower")

18 commenti:

fernandez ha detto...

Io c' ero all ultimo loro concerto nel 1997 al TPO di BO, in via Irnerio!!!! ciaoooooo ti scriverò ancora :) *FER*

danilo catpower ha detto...

ciao! hai fatto bene ad usare il mio post sui disciplinatha. spero di non aver scritto troppe cavolate. visti i tuoi stretti rapporti di parentela con la vocalist donna ti prego di porgerle i miei omaggi... e ripeto, i disciplintha sono stati tra i gruppi dei miei vent'anni che più ho amato, io penso che meriterebbero un monumento...

danilo catpower ha detto...

poi naturalmente volevo anche ringraziarti... ciao!

danilo ha detto...

ciao! immaginavo fosse mancanza di supporto o cose così... poi devo dire che a mio gusto, anche se è brutto dare giudizi, primigenia era decisamente meno riuscito di un mondo nuovo, che, per quanto mi riguarda era ed è un gioiello, lo ascolto ancora ora, però capisco la situazione... poi indubbiamente un mondo nuovo è legato anche a momenti particolari della mia vita quindi ci sono proprio affezionato. resta che io quel gruppo lì non ho parole per descriverlo... me li ricordo in particolare in un concerto a torino al parco della pellerina, non so quanti anni fa... ho ancora i brividi se ci penso... mi sarebbe sempre piaciuto dirglielo... bhè diglielo tu! grazie!

°bio° ha detto...

Ma dai! I Disciplinatha! Li ho scoperti ad una festa del 1° Maggio a Torino tanti anni fa, ed ho subito comprato Primigenia, album stupendo.. La mia preferita è 8 minuti, perfetta..

°bio° ha detto...

Si trovano ancora i dischi vecchi da qualche parte?
Mi dispiace come sia finita, perchè effettivamente meritavano moltissimo. Progetti nuovi? Datemi news!!!

creeper ha detto...

Grandissima band, credo di averli visti live almeno 7 o 8 volte...
tra i miei preferiti tra le band italiane dei primi anni '90...

canerosso ha detto...

grandissimi... li ho visti dal vivo a Ferrara e a Verona... e Primigenia l'ho comprato anche in vinile (bello... con la rosa in copertina...!)

maurizio ha detto...

Anch'io c'ero al TPO per l'ultimo live!!!!

Anonimo ha detto...

Ma non sono d'accordo con la recensione di Primigenia, l'ho ascoltato centinaia di vcolte, un disco meraviglio, intimo, crepuscolare, intenso e finisco qui se no la pasta mi scuoce. Ah, mi hanno fatto conoscere i Joy Division, segnandomi a vita. (e Battiato loro)...
francescod

Anonimo ha detto...

ciao a tutti volevo solamente ricordare che su facebook all'indirizzo:

http://www.facebook.com/group.php?gid=80750299063&ref=ts

ho aperto un gruppo di sostenitori dei disciplinatha.
La pagina facebook è ancora in fase di alllestimento, ma vantiamo già 53 sostenitori.
Chiunque fosse interessato ai disciplinatha e a tutto ciò a loro collegato (progetti paralleli, gruppi prodotti come i Luminal di Cristiano Santini, etc...) può iscriversi così da avere un punto di discussione sempre a portata di mano.

Scusate per l'inserzione ma come sapete pochi siti ricordano questo grande gruppo che ci ha accompagnato nel corso della vita.

Grazie a tutti

Anonimo ha detto...

bello trovare un post che parla dei disciplinatha... non concordo solamente con il giudizio su primigenia. secondo me è un album monumentale! anche qua si ricevono pugni nello stomaco. belli forti. mica è scritto da qualche parte che per dare pugni all'ascoltatore bisogna tenere il volume delle chitarre a palle... ;)

salùt!

Anonimo ha detto...

a pallA non a pallE 8)

Anonimo ha detto...

INNANZITUTTO IL VERO FACEBOOK UFFICIALE è QUESTO:
http://www.facebook.com/s.php?q=disciplinatha&init=quick#/group.php?gid=80750299063&ref=search

SECONDO: PRIMIGEBNIA è IL CAPOLAVORO ASSOLUTO DEL ROCK ITALIANO...DA CUI I CSI DI T.R.E. HANNO PRESO MOLTISSIMI SPUNTI...

terzo: chi ha fato dell'ultimo concerto al t.p.o le posti ....

Anonimo ha detto...

imparato molto

gabronkio ha detto...

ciao a tutti: )

chi può gentilmente postare il testodi addis abeba???
non lo trovo da nessuna parte!!!


thanks

gabronkio ha detto...

ciao a tutti: )

chi può gentilmente postare il testodi addis abeba???
non lo trovo da nessuna parte!!!


thanks

gabronkio ha detto...

ciao a tutti: )

chi può gentilmente postare il testodi addis abeba???
non lo trovo da nessuna parte!!!


thanks